Le opere "brutte" di Giuseppe Verdi

€17,00
Articolo: 978-88-6266-623-7
Massimo Mila
Le opere "brutte" di Giuseppe Verdi
a cura di Tito M. Tonietti


“Tutti capolavori? No, non si serve la causa di Verdi con l’ingenua pretesa che le sue opere siano tutte capolavori!”

 

“Intendiamoci: le opere giovanili di Verdi si debbono certamente studiare. Ma non per sognare improbabili recuperi di capolavori. Bensì per rilevare in esse, accanto alle prime affermazioni del genio, tutte le cose che il Verdi maturo non fece più: l’oziosa coniugazione di radici melodiche puramente decorative; l’inerzia di accompagnamenti stereotipati; la strumentazione bandistica; le barocche volute di strumentini che si avvolgono in pettegoli arpeggi staccati intorno alla melodia vocale. Le opere giovanili sono una miniera, no, un cimitero di procedimenti abbandonati a poco a poco attraverso l’assidua autocritica del genio. Rendersene conto vuol dire pervenire alle ragioni della sua grandezza.”

   Massimo Mila

info-copertina
Le opere "brutte" di Giuseppe Verdi
Le opere "brutte" di Giuseppe Verdi
Libro novità
anno: 
2015
pagine: 
216
isbn: 
978-88-6266-623-7

Guarda qui l'intervista di Carlo Gallucci al curatore Tonietti andata in onda a La Lettura del Tg5 il 28 agosto 2015

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

01/05/2015

Quando Verdi componeva con la mano sinistra, di Gianfranco Plenizio

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

18/05/2015

Il brutto in Verdi, di Gabriele Scaramuzza

La recente segnalazione di Gianfranco Plenizio, Quando Verdi componeva con la mano sinistra (apparsa su “Il Venerdì” di Repubblica il 1 maggio 2015) mi ha sollecitato a leggere il libro di Massimo Mila Le opere “brutte” di Giuseppe Verdi (edito da Manni, Lecce 2015). Un libro benvenuto, di grande attualità a mio avviso; e scritto da uno dei più insigni studiosi di Verdi. Vale la pena parlarne.

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

23/05/2015

La Quinta, di Tito Gilberto

Guarda qui la puntata in cui si parla del saggio di Mila

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

04/06/2015

Fra analisi tecnica e fine ironia, di ilaria Pellanda

 

A cinquant’anni dal corso che Massimo Mila dedicò a Giuseppe Verdi all’Università di Torino, l’editore Manni dà alle stampe la raccolta delle dispense del celebre storico e critico musicale.

Le opere «brutte» di Giuseppe Verdi – a cura di Tito M. Tonietti – attira l’attenzione sin dal titolo, che a molti potrà far alzare un sopracciglio di stupore.

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

14/06/2015

Le opere brutte del grande Verdi, di Eraldo Martucci

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

13/07/2015

Contro i verdiani a tutti i costi, di Claudio Morandini

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

15/07/2015

Verdi, non son tutti capolavori, di Gian Paolo Minardi

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Verdi

04/09/2015

L'estetica e il materialismo.
Mila, Verdi e Totò
, di Nicola Fano

L'editore Manni pubblica le lezioni di Massimo Mila su "Le opere brutte di Giuseppe Verdi”. Uno splendido esempio di genialità critica contro la moda del trash

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Giuseppe Verdi

07/12/2015

 La Giovanna d'Arco e quel Verdi che per Massimo Mila era di 'bruttezza oltraggiosa', di Elena de Stabile

Nel gran giorno della prima della Giovanna d'Arco che apre la stagione della Scala, dopo qualche mese di peana sulla straordinaria occasione di sentire un capolavoro verdiano ingiustamente trascurato, il mio bastiancontrarismo congenito mi ha invogliato a rileggere e consigliare un gustoso libro di Massimo Mila, pubblicato alcuni mesi fa da Manni Editore nella collana "Studi".

Massimo Mila, Le opere "brutte" di Giuseppe Verdi

14/01/2016

Rapagnetta a parte, di Angelo Piero Cappello

Carrello

Mostra il carrello.

Cerca libro

News