Libellus

€12,00
Articolo: 978-88-6266-862-0
Luigi Martellini
Libellus




Una poesia, questa di Martellini, che allestisce un teatro – di parole, di versi, di cadenze – in cui tornano a prendere respiro figurazioni corporee del desiderio, lampeggiamenti del già stato, forti presenze affettive. Una dizione piana, essenziale, misurata chiama le cose e i paesaggi a una nuova intimità, a una sorta di confidenza con un tempo che non è incenerito, ma ha ancora vibrazioni e richiami, luci e seduzioni. La memoria in questi versi è, insieme, evocazione e meditazione, sogno e accoglimento di un altrove che è sorgente di malinconia ma anche di grazia. Ed è permanenza aspra e dolce di un enigma: “eppure c’è qualcosa che non muta / nei mutamenti, che si strugge / nella fatalità, chiuso dentro / una parola come una radice”. Ritrovare, con la forza evocativa della parola, frammenti e forme di quel che è perduto significa attingere a quella presenza che resiste nel tempo e che la poesia può custodire.

   
  Antonio Prete


 

info-copertina
Libellus
Libellus
Libro novità
anno: 
2018
pagine: 
80
isbn: 
978-88-6266-862-0

Luigi Martellini, Libellus

14/07/2018

Terra desolata. Ma ci sono il cielo e il mare, di Daniele Piccini

Cerca libro

News