Lungo il sentiero, in silenzio

€0,00
Articolo:
Antonietta Langiu
Lungo il sentiero, in silenzio
Dalla Sardegna all’Europa: diario di vita, di viaggi e di incontri
Un lungo racconto come confessione intima, immersione nella memoria, nel sogno, nella nostalgia. Dalla campagna danese alla famiglia e alle radici ispano-sarde, ai luoghi sacri e alle vicende personali e collettive in una Sardegna che esige un ritorno del cuore.
 
info-copertina
Lungo il sentiero, in silenzio
Libro novità
anno: 
2008
pagine: 
168
isbn: 
978-88-6266-115-7
Antonietta Langiu vive da vari anni nelle Marche con il cuore in Sardegna, dove è nata. Il suo primo libro di racconti è del 1992. Ha scritto molto. Per Manni ha pubblicato, nel 2005, il romanzo Lettera alla madre.


Prologo


Ho iniziato questo lungo racconto nella bellissima campagna, a duecento metri dal mare, intorno al paesino di Torup, a nord di Copenaghen, nell’isola di Sjaelland, nel settembre 2006. Ho poi continuato una volta tornata a casa; qualche volta ho scritto in aereo, in aeroporto in attesa del volo, nei brevi soggiorni nel mio paese natale in Sardegna, fino a portarlo a termine nel settembre 2007 ad Alghero.
Ho sempre con me un blocco per gli appunti e spesso ciò che viene fuori dal mio narrare, o, se vogliamo, dalla mia poetica narrativa, è un pastiche che combina insieme relazioni di viaggio, analisi storica, racconti di fatti vissuti e sperimentati con passione, a volte rivissuti con nostalgia ma anche con il piacere di riscoprirli e di dar loro nuova vita.
Non è comunque un “diario” nel senso più preciso del termine; lo diventa però nel mio percorso mentale che mi riporta sempre là dove più incalzanti sono i ricordi, i quali segnano quasi a fuoco, con una data precisa, gli avvenimenti narrati.
Il percorso della scrittura è il percorso della memoria, dell’esistenza e del viaggio, che passa dal presente al passato, da un luogo ad un altro luogo: la Sardegna, le Marche, la Danimarca, i miei “tre mondi” immaginifici. È un continuo flash-back del ricordo che si muove senza che la volontà interferisca, o sia sempre vigile, e che costringe chi scrive a seguire il pensiero che vaga libero nei meandri a volte tortuosi della mente; che la fa uscire dal presente per tornare in quella memoria antica che si va dissolvendo e che si rischia di non possedere più.
C’è un continuo rapporto tra luogo, tempo e viaggio; c’è un tornare e andare, c’è il nostos di Ulisse che cerca l’antico ed eterno ritorno, ma anche la voglia e l’esigenza di vivere nel presente… con la passione di cui è intriso il nostro breve percorso. Forse il luogo più antico del mondo è il luogo più contemporaneo, forse il luogo più lontano quello più vicino… Forse non c’è un oltre, un al di là… finché siamo qui, in questa nostra terra, perché… “Siamo tutti qui”, diceva Pasolini.
 

Antonietta Langiu, Lungo il sentiero, in silenzio

22/07/2009
Un tempo nudo ed essenziale

Una scrittura prodotta nella nostra terra, capace di raccontare gli spazi più diversi dalla fredda,composta “civile” Danimarca ,alla Sardegna con i suoi monti austeri e le sue acque trasparenti ,e che, solo indirettamente, ma con precisione ed affetto, sfiora l’identità del nostro territorio: è la scrittura di cui si serve Antonietta Langiu nel suo ultimo libro, edito ,come al solito dall’editore Piero Manni Lungo il sentiero, in silenzio.

Antonietta Langiu, Lungo il sentiero, in silenzio

06/03/2010
In Sardegna, di Vittoria Ravagli

"Sono diventata vecchia nella lontananza e le radici che credevo ben salde cominciano a cedere. A volte non so più di dove sono né da dove vengo..."

Cerca libro

News