Stazioni

€14,00
Articolo: 978-88-6266-855-2
Eugenio De Signoribus
Stazioni
1994-2017


La raccolta comprende due sezioni di quattordici testi con relativi congedi: un viaggio sentimentale a tutto campo, forse una doppia via crucis, umana e spirituale. La prima si compone di poemetti e quasi poemetti, intendendo con tale espressione la loro brevità rispetto al problema toccato: si fermano quando il discorso del cuore pare concluso e non vuole forzature. La seconda parte è composta da due sequenze di sette poesie e quasi poesie, in cui il soggetto entra nel dramma collettivo con tutta la non-potenza dell’umiltà e della compassione.
Declinano voci di profondo impegno morale ed ecologico, attraverso una emozione linguistica: la poesia deve contenere la passione e il turbamento che l'hanno generata, e i versi disegnano l'utopia di una società autentica mentre scuotono e sommuovono la lingua, come ha scritto Rodolfo Zucco.
Eugenio De Signoribus ci consegna un libro di sentimenti in cui il particolare dice dell'universale: va ricercata la salvezza condivisa, non solo quella individuale.

 


 

info-copertina
Stazioni
Stazioni
Libro novità
anno: 
2018
pagine: 
128
isbn: 
978-88-6266-855-2

Eugenio De Signoribus, Stazioni

06/05/2018

Nostalgia del futuro, di Nicola Gardini

Eugenio De Signoribus, Stazioni

20/05/2018

Ispirazioni sghembe: le elezioni del '94, il G8, di Daniele Piccini 

Eugenio De Signoribus, Stazioni

27/05/2018

De Signoribus, spada e accusa verso i potenti, di Massimo Natale

Eugenio De Signoribus, Stazioni

04/06/2018

 Un'epica quotidiana, di Andrea Galgano

Eugenio De Signoribus, Stazioni

13/06/2018

Solenni e senza eco. Forza e limite dei versi di De Signoribus, di Cesare Cavalleri

Eugenio De Signoribus, Stazioni

01/05/2018

I luoghi della frontiera, di Elio Grasso

Cerca libro

News