Storie naturali

€16,00
Articolo:
Edoardo Sanguineti
Storie naturali
Introduzione di Niva Lorenzini Conversazione dell'Autore con Claudio Longhi

“Quattro serie di materiali per un allestimento teatrale” aveva definito Sanguineti le Storie naturali alla loro comparsa nel 1971. Il testo-copione su cui si articolavano quelle lezioni di tenebre progettate inizialmente per Berio e Ronconi rivede ora la luce, in concomitanza con la prima realizzazione scenica integrale in Italia.
Immutate nella loro radicalità e nelle loro ossessioni, le Storie sono occupate da corpi, voci, “fantasmi di carne” consegnati a una tattilità estrema, a un concreto erotismo. Con essi il lettore può costruirsi un suo “spettacolo possibile”, se solo prova a maneggiare liberamente i segmenti testuali che l’autore gli porge, pronti per essere smontati e rimontati come pezzi di un teatro anatomico, nella loro fisicità esibita e scissa.
È la stessa fisicità che sta al centro dell’intera produzione teatrale, narrativa, poetica di Sanguineti, da Capriccio italiano a Cose. Se l’“io è prima di tutto un corpo” e “la vita non è che la storia di un corpo”, Storie naturali ne danno piena conferma col loro realismo nudo, il loro richiamo al concreto dell’esperienza.
                                                                                                   Niva Lorenzini

info-copertina
Storie naturali
no
anno: 
2005
pagine: 
248
isbn: 
88-8176-678-7
In copertina: Mario Persico, Memoria intorno al pozzo, 2005

Edoardo Sanguineti, Storie naturali

07/10/2005

Il teatro è ormai museo, intervista a Edoardo Sanguineti di Lorenza Buccella


«Ormai anche il teatro è diventato un luogo sterilizzato, perché non c’è più quella spinta alla sperimentazione che lo aveva caratterizzato nei suoi momenti migliori. Vive ai margini e sembra toccato da due sole priorità: fare il minimo di cassetta per la sopravvivenza e portare gli studenti a darsi una spolverata dei vari Goldoni Pirandello Shakespeare, i tragici greci. Si è trasformato in un teatro per le scuole».

Edoardo Sanguineti, Storie naturali

12/11/2005

Edoardo Sanguineti, 75 anni ben travestiti, di Gilda Policastro


Compie settantacinque anni Edoardo Sanguineti, «satrapo patafisico» nella sola definizione (autodefinizione) autorizzata, assieme, magari, alla qualifica di «contemporaneo», divisa col protagonista dell’aneddoto gramsciano che pare la recasse a stampa sul biglietto da visita. L’occasione si celebrava in un convegno bolognese, lo scorso 6 ottobre, inaugurato dall’esordio scenico delle Storie naturali, «materiali» di penna (e ahimé sola penna) sanguinetiana, correva l’anno ’71.

Edoardo Sanguineti, Storie naturali

31/01/2006

Capricci di tenebre


Era il 1971 quando uscì Storie naturali. Il libro riportava in quarta di copertina l'avvertenza che di "storie" in verità non si trattava, ma di "serie materiali per un allestimento teatrale", quattro serie da "rappresentare simultaneamente". E tra lezioni, memorie e capricci sono queste "lezioni di tenebre", un testo-copione progettato al tempo per Berio e Ronconi e che ora viene ristampato in concomitanza con la sua prima realizzazione scenica in Italia.

Carrello

Mostra il carrello.

Cerca libro

News