Per Ermanno Rea a Napoli

Venerdì 3 marzo - ore 18
Fondazione Banco di Napoli
Via dei Tribunali 213 - Napoli


ERMANNO REA

La parola del padre


Falso storico in forma di monologo
Caravaggio e l'Inquisitore
Con uno storyboard di Lino Fiorito


Presentano Lino Fiorito e Massimiliano Virgilio


 

 L'Inquisitore accusa Caravaggio: di non ubbidire a Santa romana Chiesa, di essere un ribelle, un seguace dell'eretico Giordano Bruno, di dipingere prostitute, ubriaconi e tavernieri nella convinzione che Dio va cercato proprio lì.
È un monologo in cui le parole e le espressioni del pittore si raccontano attraverso gli occhi e la voce dell'Inquisitore. Il quale è un uomo a un passo dalla morte: più volte durante il suo discorso gli mancano le forze, ed è sfiorato dai dubbi di chi sta facendo i conti con la fine e non può certo mentire a se stesso, ed è quasi tentato di riconoscere le ragioni di Caravaggio, di cedere all'ammirazione che nutre per lui.
Ma sono solo istanti, perché il suo dovere è richiamare all'obbedienza, all'obbedienza dell'Autorità, all'obbedienza del Padre: il padre che è Dio, il padre che è il Papa, il padre che è il Cesare, il padre che è il genitore.
Questo testo è un documento carico di tensione civile, una riflessione sull'autorità, sulla ragione critica e la difficoltà di esercitarla, è un viaggio attraverso i quadri di Caravaggio, uomo libero, è l'arringa di un potere ottuso, che si immagina nel Cinquecento ma in realtà ci parla del potere di oggi.

 

Leggi altro sul nostro sito 

 

 

Seguici sulla nostra pagina Facebook Manni Editori e Twitter Manni Editori
 

Carrello

Mostra il carrello.

Cerca libro

News