Argomento “Helios Magazine”

Sandro Dell'Orco, La dimora unica

01/12/2009
La sottile fune di un equilibrista, di Gianni Ferrara

La scelta di Sandro Dell’Orco di cimentarsi nella difficile stesura di un testo teatrale non mi ha sorpreso, perché già dal suo romanzo “Delfi” si evinceva sia un originalissimo stile surreale, che ben si adatta al teatro sperimentale, sia una minuziosa capacità descrittiva dei personaggi, tanto che questi alla fine sembravano emergere dall’astratta bidimensionalità delle pagine per apparire reali nella immaginazione del lettore.

Condividi contenuti

Cerca libro

News