Argomento “Famiglia cristiana”

Daniele Piccini, Regni

20/08/2017

Tra terra e cielo, di Roberto Carnero

Paola Baratto, Tra nevi ingenue

23/02/2017

Alla ricerca di un senso, di Roberto Carnero

Alda Merini, Come polvere o vento

21/02/2010
Il lato oscuro della Merini, di Daniele Piccini
 
Appena dopo la morte di Alda Merini, Manni ha mandato in libreria questa raccolta, composta di testi ritrovati, risalenti agli anni Ottanta. Vi si distingue il tono satirico, anche con intento grottesco. A prevalere sono le tinte forti, rispetto ai toni più intimi e religiosi delle successive prove della poetessa.

Elena Salibra, il martirio di ortigia

23/05/2010
La verità di Elena Salibra, di Daniele Piccini
 
Nel suo terzo libro Elena Salibra (nata a Siracusa) cresce in consapevolezza e qualità. La sua parola è spigolosa, irta e insieme ricca di accordi, rimandando al magistero di Montale. Insegnante all’università, usa del resto tutta la tradizione, evitando eccessi di compiacimento e cercando una nuova verità poetica.

Franca Mancinelli, Mala Kruna

14/10/2007

Dietro le spine un'attesa, di Daniele Piccini

Mala kruna è un libro pieno di spine, intrecciato a grumi di consonanti. L’assente si disperde nel giro dei tempi e dei luoghi, per una sorta di fato da scontare. Talvolta “chiusa” fino all’impenetrabilità, la lingua di Franca Mancinelli cela un’attesa, che si ammanta di aculei e così, forse, si fortifica.

Elena Salibra, sulla via di Genoard

03/06/2007
L’Eden dei Normanni, di Daniele Piccini
 
I versi di Elena Salibra lasciano sulla pagina echi e frantumi di una lunga storia di poesia, non solo novecentesca, risolta in lampi, accensioni, brillii, fosforescenze. Sono i residui segnali di “Genoard”, il Paradiso terrestre dei re normanni, forse irraggiungibile, forse disseminato in forma di parola dietro le spalle.

Maria Rosa Panté, Noi che non fummo Muse

15/10/2006

Donne all'ombra del genio, di Roberto Carnero

Giuseppina De Rienzo, Laggiù la stregònia

12/06/2005

Due viaggi dal nulla alla verità in nome del padre e della madre, di Francesco Durante


[...] Questo atto di lacerante superbia, di “ricreare il nulla” è del resto, si potrebbe dire, l’atto stesso dello scrivere. Nelle nuove poesie di Giuseppina De Rienzo lo ritroviamo per esempio applicato alla figura materna.

Aldo Maria Valli, Nudi e crudi

23/01/2005

Sei figli: passione e confusione, di Renata Maderna

[...[ fra tanti testi sulla famiglia e l'educazione dei figli, chi è genitore
non potrà non appassionarsi alla lettura del Corso di sopravvivenza per
famiglie nell'era del consumismo
 di Valli, 46 anni, giornalista del
Tg3. Anche questo, in realtà, è un reportage, compiuto da cronista all'interno
della quotidianità della propria famiglia (bella e numerosa, con sei figli tra i
19 e i 5 anni), dipinta "nuda e cruda", con umorismo, ma anche con tanta
complicità.

Vanna Mignoli, Di sillaba e di rima

01/05/2005

Mignoli, l'umiltà in rima, di D. Piccini


La nota dominante della poesia di Vanna Mignoli (1952) è l'umiltà, fino alla scelta di esibire prestiti da grandi poeti amati (Montale, soprattutto). Circola per le brevi composizioni, legate col fil di ferro della rima, un'aria di estraneità e pena: una stremata tenerezza, che dialoga con poche voci amiche.

Condividi contenuti

Carrello

Mostra il carrello.

Cerca libro

News