Argomento “Gazzetta del Mezzogiorno”

LIDI

29/05/2009

Dove batte la lingua delle minoranze, di Alberto Sobrero

Giuseppe Cassieri, Poetica di un infelice

31/10/2008
Cassieri, il piacere sottile dell’arguzia, di Giacomo Annibaldis
 
Ci ha lasciato un testamento Giuseppe Cassieri, prima di accomiatarsi, senza troppi rumori, offrendoci in ideale eredità l’ultimo graffiante sorriso. Quel sulfureo ammiccamento, carico di ironia e di arguzia, propugnato con indefessa fiducia nella sua attività scrittoria lunga sessant’anni.

Raffaele Valentini, La prigione sotto la neve

22/11/2008

Un uomo e due vite in gioco, di Ilenia Dell'Aera

Lino Patruno, Alla riscossa terroni

20/12/2008

Mezzogiorno, ancora il piatto piange, di Giuseppe De Tomaso

Cosimo Argentina, Maschio adulto solitario

25/05/2008

Taranto, un manga che ha fatto splash, di Giacomo Annibaldis

Taranto, odio e amore. Mai forse la città dei due mari è stata così protagonista in letteratura, quanto nell’ultimo romanzo di Cosimo Argentina, Maschio adulto solitario. «Mi voltai verso la città – scrive lo scrittore tarantino, ormai brianzolo – e in prospettiva vidi quest’ammasso di cemento e acqua e immondizia e mi venne voglia di scomparire, ma in quello stesso istante mi resi conto che era proprio là che volevo vivere».

Giuseppe Cassieri, Poetica di un infelice

21/10/2008
Il sorriso abbonda sulla bocca del precario, di Giacomo Annibaldis
  
Adepto della filosofia di Bergson, il quale sostenne che «fino a quando esisterà un uomo, esisterà qualcuno che ride, che sorride, che irride», Giuseppe Cassieri continua a inscenare romanzi dove facezia e lepidezza intersecano l’allegra indignazione o la scherzosa denuncia delle ossessioni moderne.

Novecento. Emigranti

02/09/2007
Saggi di Puglia e Basilicata, di Pasquale Tempesta

Più lapidario, Novecento. Emigranti è invece il titolo di un ampio volume, edito da Manni, che in oltre trecento pagine di grande formato narra anch’esso storie, avventure liete e tristi, speranze, sentimenti forti e struggenti di tantissimi nostri connazionali (ben 18 milioni – quasi una nazione! – gli italiani emigrati dal 1900 in poi) raccolti e raccontati questa volta a cura di docenti della Scuola media «Aldo Moro» di Mesagne.

Luca Canali, Archivio rosso

18/11/2007

Ritratto di giovane con tessera in pugno, di Sergio D'Amaro

Le due città

23/11/2007

Un coltello divise la città in due, di Vito Antonio Leuzzi

Antonio Errico, Viaggio a Finibusterrae

16/12/2007

Salento, la voce di una terra, di Sergio D'Amaro

Condividi contenuti

Carrello

Mostra il carrello.

Cerca libro