Moscacieca

€10,00
Articolo:
Alessandro Di Franco
Moscacieca
La musicalità interna e l’essenzialità della scrittura sono la cifra di queste poesie che fanno i conti con i sentimenti e la realtà. La ricerca linguistica non comprime i versi volutamente brevi e asciutti ma anzi coinvolge il lettore in veloci-intensi rapimenti.
info-copertina
Moscacieca
Libro novità
anno: 
2009
pagine: 
88
isbn: 
978-88-6266-149-2
Alessandro Di Franco è nato nel 1974 in Sicilia, ad Augusta. Dalla primissima infanzia vive nel territorio di Treviso, dove è medico.
Non secondaria al lavoro è la sua passione per la poesia che con le due raccolte edite (Ceralacca del 2007 e Latte di mandorla del 2008) gli ha procurato significativi riconoscimenti.

PRIMI VERSI

Analogie

Addio è
un arrivederci sputato tra i denti
detto
velocemente al contrario

Il desiderio

Giovane
donna
sguarda una mia pupilla nera
da lontano veglia
ha fame e sete
di quella tua carezza
tracciata nell’aria

Un piccolo arazzo

Umida mattina
scuoti
perle d’acqua dalla fronte
e abbeveri il giorno
fanciullo ed argentino
che fresco già canta

Alessandro Di Franco, Moscacieca

28/01/2010
Una saggezza del quotidiano, di Giuliano Ladolfi

Leggere i testi che giungono in redazione è uno dei più bei lavori che un direttore di rivista può svolgere, perché, anche se non si conosce personalmente la maggior parte degli autori, si stabilisce un contatto umano e letterario che incide profondamente. Il dott. Di Franco, che unisce l’arte di Esculapio a quella delle Muse, mi manda la sua terza raccolta in una sorta di dialogo cui rispondo sul blog di «Atelier».

Cerca libro

News