Suor Giovanna della Croce

€0,00
Articolo:
Matilde Serao
Suor Giovanna della Croce
L'anima semplice
Pubblicato nel 1901 da Treves, questo romanzo narra la dolorosa odissea di una monaca di clausura espulsa con le consorelle dal convento di Suor Orsola Benincasa nel quale ha trascorso trentacinque anni della sua vita. Il provvedimento governativo la spinge, impreparata e indifesa, nel gorgo della vita civile dove, tra egoismi e bassezze, sperimenta umiliazioni e miseria, fino a confinarla, a poco a poco, tra i mendicanti laceri e affamati che annaspano nel ventre di Napoli.
 
info-copertina
Suor Giovanna della Croce
no
anno: 
2005
pagine: 
184
isbn: 
88-8176-792-9
a cura di Clara Borrelli

Matilde Serao ha attraversato la cultura italiana come giornalista, scrittrice, femminista. Nata a Patrasso nel 1856, morì a Napoli, mentre scriveva, nel 1927.



Incipit

Scoccarono le cinque. La pesante porta del coro, di antico oscuro legno scolpito, si schiuse, stridendo, si spalancò, sospinta dalle magre e lunghe mani di suor Gertrude delle Cinque Piaghe: anche l’altro battente fu aperto e respinto lentamente contro il muro, dalla monaca. Ella attraversò a passo rapido tutto il coro, avendo nascosto, con un moto familiare, le mani nelle ampie maniche di lana nera della sua tunica, e si andò ad inginocchiar dietro la fitta grata metallica del coro. Dall’alto, da un’altezza grande, ella gittò uno sguardo quasi inquieto nella chiesa di Suor Orsola Benincasa, che si allargava e si allungava, giù, giù, in una penombra di tempio dalle finestre velate, dove il crepuscolo quasi pare notte. Non vi era nessuno, in chiesa. Quel coro così alto, posto a livello della seconda fila dei finestroni della chiesa, chiuso nei suoi tre lati da una parete di ottone, singolarmente lavorata a traforo, nulla lasciava vedere, di più, ai fedeli che volessero scorgere, per curiosità, anche l’ombra di una delle Trentatré; mentre le istesse suore che portavano con umiltà ed obbedienza profonda, ma anche con orgoglio mistico, il secondo nome di Sepolte Vive, appena appena, di sopra, poteano scorgere delle figure umane entrare, sedersi, inginocchiarsi, orare, laggiù, laggiù, innanzi all’altare maggiore e nelle due larghe navate laterali, che fiancheggiavano la principale. Suor Gertrude restò con la fronte appoggiata alla grata, con gli occhi socchiusi, un po’ curva l’alta e scarna persona: sulla fronte cinta dalla benda di tela bianca, sul petto coperto dal colletto bianco, sulla tunica nera, ricadeva, innanzi, il grande velo nero, mentre indietro, come era prescritto, ricadeva il mantello di lana nera. Ella pregava mentalmente: a un certo momento, un sospiro le sollevò il petto. Al suo sospiro un altro ne rispose, poiché, accanto a lei, senza far rumore, era venuta a prostrarsi, dietro la grata, un’altra delle Trentatré: suor Clemenza delle Spine, una monaca piccola, minuta, sotto la tunica nera, sotto il velo nero, il mantello nero, e la benda bianca. Pian piano, a passi silenziosi, altre suore erano apparse nel coro, erano venute a inginocchiarsi intorno intorno alla grata, con larghi segni di croce, sotto il loro velo nero: adesso, se ne contavano quattordici, in giro. Nessuna parola era stata scambiata fra loro: solo, ogni tanto, fra una preghiera e un’altra, un sospiro dolente si udiva uscire, di sotto qualche velo, a cui qualche altro sospiro, subito, faceva eco. Poi, sulla porta del coro, una monaca apparve, sorretta da un’altra: doveva essere di grande età, curva assai, quasi piegata in due, lentissima, sostenuta nei suoi passi piccoli e stanchi da una suora più giovane, più forte, che la guidava attentamente, misurando il suo passo su quello della vecchissima che a lei si appoggiava. La monaca vecchissima anche era vestita della tunica nera, della benda bianca che le stringeva la fronte, coperta dal mantello nero sino all’orlo della veste, velata fino ai piedi dal velo nero: ma sul petto, sul goletto bianco, sospesa a un largo nastro di seta nera, una croce di argento pendeva; sulla mano scarna, ossea, dalla pelle giallastra che si raggrinzava, appoggiandosi al braccio della suora giovane, nell’anulare, era una fascia di argento, un anello su cui stava scritto: La badessa.

Cerca libro

News