Argomento “L'Indice”

Enzo Siciliano, L'isola

01/12/2004

Saggistica letteraria, di Lidia De Federicis

Un piccolo saggio narrativo sulla propria insularità: "Avevo 5 anni, e vidi l'isola per la prima volta"; e un tocco affettuoso su la "pazienza" e il "fervore" dei due siciliani, il critico Ferlita e il poeta (in dialetto marsalese) Nino De Vita, grazie ai quali ha preso forma questo libro: così Enzo Siciliano (1934), che è nato e vive a Roma, introduce la raccolta degli scritti da lui dedicati alla letteratura sicilana nel corso di quarant'anni.

Per Vincenzo Consolo

01/12/2004

Saggistica letteraria, di Marcello D'Alessandra

Luca Canali, Potresti averli già incontrati a una fermata d'autobus

01/02/2005

Narratori italiani, di Cosma Siani


Si arriva a pagina 79 di questi racconti con la convinzione che l'autore sia intersssato a lacerti naturalistici di realtà proiettati in narrazioni brevi. [...] si direbbe ci sia qui il desiderio di rispecchiare storie di vita. Una per tutte Il palestrita, vita e imprese di un cascatore del cinema, supersexy ricercato da attrici prima, da signore che frequentano la sua palestra poi, deluso dalla donna della sua vita, la prostituta vera.

Edoardo Cacciatore, Tutte le poesie

01/03/2005

Novecento alternativo, di Giorgio Luzzi

Augusto Blotto, La vivente uniformità dell'animale

01/04/2005

In altra lingua, di Carlo Pizzingrilli


Si suppone che il rovello, intorno al quale cresce, dicesi abnormemente, la poesia di Augusto Blotto, possa essere letto a pagina 362 del ponderoso volume edito da Manni, in un testo che inizia con la seguente terzina: "Come si può formare, dietro una fronte,/un pensiero, in altra lingua? fronte spatola,/destinata anche a sparire, prima o poi".

Condividi contenuti

Cerca libro